Comitato per la Rappresentanza Etnica della Lombardia Rappresentanza Cisalpina Rappresentanza dell'Altaitalia con tutto l'hinterland delle Alpi a rigore Art.1 del Covenant 1989 sui Popoli tribali e indigeni (C169) www.cisalpini.eu

venti anni 1991-2011

il primo Rapporto sulla misurazione etnica e giuridica della Lombardia a cura della Missione Diplomatica condotta dal nostro primo Comitato Municipale venne presentato giusto venti anni orsono
presso la
Sede della Corte di Giustizia delle Nazioni Unite a L'Aja durante la "Conferenza sulla prevenzione dell'uso della forza contro i Popoli da parte degli Stati che li governa" organizzata in febbraio ed eseguita in agosto 1991

la medesima Conferenza (considerata permanente) venne ripresa
nel gennaio 1993 a tempo per anticipare gli eventi che culmineranno poi qui da noi nel novembre successivo
dimostrando quindi ampiamente che la Corte di Giustizia non si trastullava affatto con dubbie fantasie ma vedeva molto lontano: anzi quelle condizioni sono ancora costantemente monitorate oggi da quelle stesse istituzioni sia da Den Haag che da Ginevra con la di loro prammatica

[ elenco delle delegazioni partecipanti ]

ebbene in venti anni abbiamo raggiunto oltre 200 Comuni cominciandovi la ricognizione etnografica (ancora pochi) ma nei quali la sovranita' degli Elettori ha mai presentato una propria lista elettorale (allo scopo di costituire un apposito assessorato) non volendo ostacolare chissa' quali Partiti che millantavano di sostenere la necessaria rappresentanza etnica del posto .....che invece ovviamente non ammetteranno mai .....perche' il loro scopo evidente e' disinnescare smembrare alienare l'antica Langobardia piuttosto che sostenerla

ovviamente il comitato esecutivo del Archivio dell'Altaitalia organizza lo stesso nel vostro Comune un apposito
Comitato Municipale per la Rappresentanza Etnica
a rigore della
Legge 881 (25 ottobre 1977) di Ratifica dei Patti sui Diritti Umani (16 e 19 dicembre 1966) e a rigore delle molte disposizioni che sono direttamente o indirettamente ma tutte necessariamente ivi connesse anche quando nel vostro Comune non siate intenzionati a costituire la vostra lista elettorale al momento delle Elezioni

al di la' del governo locale
il Comitato ha
lo scopo di ricognizione/opposizione/ricorso contro qualsiasi violazione dei Patti sui Diritti Umani (ed istrumenti connessi) in mille occasioni a difesa della dimensione etnica del posto.....
la dimensione etnica dei Lombardi beninteso: quella che deriva dalla precedente anagrafe Lombardoveneta (1815-1919) e deriva necessariamente dalla piu' antica e piu' vasta anagrafe
Cisalpina costituita dagli Stati Liberi dell'Altaitalia (1796) molti dei quali gia' aderirono alla precedente Repubblica Ambrosiana del 1447 .....ovvero la antica anagrafe che ereditiamo (volenti o nolenti) dal nostro precedente Governo Legittimo Cisalpino vale a dire dall'una o l'altra delle nostre vecchie Repubbliche del Nord

la Lombardia così com'è sempre stata

nel vostro Comune

il Comitato Municipale per la Rappresentanza Etnica (provvisorio a rigore della Legge 25 ottobre 1977 n.881 pubblicata nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.333 del 7 dicembre 1977) si occupa soltanto dei Cittadini etnicamente Lombardi che ne chiedono iscrizione ma finquando una Delibera Comunale non costituisca il Comitato definitivo a rigore della medesima Legge: per questo motivo sara' utile all'occasione costituire una Lista Elettorale e vincere (modestamente) la successiva Elezione perche' sia poi costituito un Comitato definitivo dalla Giunta Comunale vincente

da quel momento e' il Comune che iscrive nella apposita struttura civica tutti i Cittadini etnicamente Lombardi per essere rappresentati etnicamente a rigor di quella Legge e di tutti gli istrumenti direttamente ed indirettamente ivi connessi

fino a quando non vi sia una struttura civica municipale predisposta appositamente dal Comune va da se' che la ricognizione e la difesa della dimensione etnica del posto la fanno i Cittadini del posto riuniti nel proprio Comitato Municipale: difatti spetta al Cittadino del posto (ovvero sempre agli Aborigeni sul proprio Territorio ancestrale) il Diritto alla propria Rappresentanza Etnica

ciascun Comitato Municipale ha quindi sempre 3 (tre) missioni sul posto:
assistenza al Cittadino del posto che si trova sul posto (da sempre)
assistenza al Cittadino del posto che ritorna a casa (dalla emigrazione)
assistenza al Cittadino del hinterland cisalpino (essendo connazionale)

i motivi della nostra mobilitazione sono evidenti

Le istituzioni europee stanno oramai smontando le vecchie giurisdizioni statali e costruendo nuovi poteri decentrati..... anzi secondo alcuni studiosi siamo gia' assoggettati ad altri maggiori poteri dietro le quinte delle attuali istituzioni .....al punto da vanificare i poteri statali gia' usurpati/trapassati nelle mani di lobbies e di multinazionali prive di qualsiasi rappresentanza civica

per esempio il Trattato di Maastricht (del 1992) confermato dal successivo Trattato di Lisbona e' reso inutile dal Regolamento CEE n.1466 (anno 1997) che toglie i poteri monetari/finanziari ai Governi degli Stati (in pratica azzoppandoli di fronte alle multinazionali e al sistema bancario mondiale)

ma..... sia che i burocrati europei smontino gli Stati fra poco e sia che le multinazionali abbiano gia' smontato gli Stati europei finira' che in entrambi i casi ci troveremo di fronte a un inevitabile trapasso dei poteri

e quindi al momento di quel trapasso di poteri (che potrebbe anche essere forzato) sara' necessario conservare anche formalmente la nostra antichissima identita' (quella del posto) oppure scomparire per sempre al di sotto delle nuove classi dirigenti nelle inevitabili nuove istituzioni farlocche

l'Europa che oggi conosciamo sta annacquando e di fatto modificando le proprie istituzioni regionalizzando gradatamente molte competenze e continuera' fino a quando avra' superato i poteri degli Stati, che alla fine scompariranno e saranno sostituiti da giurisdizioni piu' piccole decentrando i vecchi poteri statali diventati inutili.

Non si tornera' alle Citta' murate di epoca Comunale ma gli attuali confini scompariranno presto e le attuali regioni si aggregheranno attorno ai centri di migliore produzione e conservazione del Prodotto Interno Lordo (il loro proprio PIL) costituendo quindi una propria organizzazione funzionale per gestire in esclusiva tutto il proprio hinterland (ovvero tutto il loro patrimonio alla fine) e certamente (se si armeranno per la bisogna) senza chiedere permesso a nessuno.

La Lombardia fara' ancora parte del hinterland cisalpino che comprende (da sempre) tutte le Alpi nostre fino al fiume Rodano al Danubio e a tutte le isole Adriatiche oltre alla Valle del Po fino oltre la Linea Gotica, salvo un eventuale coordinamento con la Toscania vicina.

Una funzione molto importante in questo scenario del prossimo futuro sara' la ricostruzione dell'Anagrafe dei Lombardi che si trovera' necessariamente decentrata ed allontanata dall'attuale anagrafe numerica e politica della burocrazia statale..... e diverra' certo piu' strettamente municipale ovvero personale e famigliare per sfuggire ad una dispersione degli individui nel nuovo sistema, probabilmente capitalizzando ed ottimizzando la residenza

La anagrafe che conosciamo oggi non puo' trapassare indenne nel nuovo sistema: si veda a semplice esempio il tipo di targhe automobilistiche anonime.....

quale che fosse il sistema numerico che identifica i veicoli sulle strade resta sempre essenziale identificare la citta' o la provincia ovvero il municipio dove un veicolo ha sede o meglio ha origine: le sigle cittadine contenute nella targa servivano a dare immediata certezza di poter rintracciare il veicolo rassicurando chi legge la targa (come guardare in faccia un interlocutore senza occhiali neri) ma la distruzione di questo chiaro sistema anagrafico ora sostituito con sigle e numeri che sono comprensibili soltanto alle polizie ed alle assicurazioni lascia i cittadini nella impossibilita' pratica di rintracciare qualsiasi veicolo con la normale attenzione (e' la stessa trappola della "privaci" cosiddetta)

questa modifica delle targhe fa parte del degrado amministrativo della attuale giurisdizione statale che perde sovranita' in favore di sistemi organizzativi superiori e piu' potenti (come le assicurazioni le banche le polizie oggi su scala europea) e che rifiutano d'esser subordinate agli Stati (!) come in questo caso dove rifiutano le norme anagrafiche piu' elementari ed hanno imposto le proprie norme numeriche.

A nulla vale eccepire che una targa leggibile "in chiaro" con il suo municipio sia una violazione della "cosiddetta privacis" perche' lo stesso meccanismo che si presume "protettivo" dell'area privata e' proprio una invenzione che nega l'anagrafe .....con sistemi ignoti ai cittadini ed invece noti ai supersistemi di controllo (vale a dire che il controllo viene sottratto ai cittadini in favore di strutture ignote) senza contare che nessun "normale cittadino" ha mai pensato di nascondersi alla societa' in cui vive (sono i delinquenti che si nascondono) mentre una anagrafe "che non si legge in chiaro" contravviene alle prime regole dell'anagrafe (epoca di Marco Aurelio) ed e' congeniale ai grandi sistemi dove contano soltanto i numeri piuttosto che gli esseri umani..... nella illusione di onnipotenza che allontana i governanti dai governati e alla fine si rivela socialmente improduttiva ovvero anti-sociale. La invenzione della "privaci" ha proprio lo scopo di proteggere i grandi sistemi (rendendoli ignoti al controllo individuale) e non proteggono certo le formiche trascinate in Tribunale tutti i santi giorni.

E' tutto all'incontrario del sistema capitalista piu' avanzato che oggi conosciamo (nel nordamerica) dove gli automobilisti addirittura possono pagare per avere una propria targa sulla quale sta scritto il proprio nome (!) e la stessa amministrazione statale compensa ed "onora" i cittadini che hanno ricevuto una onorificenza o una medaglia assegnando loro il privilegio di targare la propria automobile con la sigla della onorificenza che han ricevuto..... cioe' tutto all'incontrario dei presunti europei: ma non sara' col nascondere le piccole verita' che progrediscono i sistemi sociali..... piuttosto il contrario.

Anche le targhe automobilistiche rivelano che il sistema degli Stati europei e' in disfacimento perche' aggredito da poteri economici superiori ai poteri politici degli Stati stessi: sono superpotenze con dimensioni continentali (al di sopra degli stati-nazione) che si battono anarchicamente in un mercato mondiale e con un bilancio mondiale in grado di condizionare tutti quegli Stati che siano di taglia inferiore..... possono competere con gli Stati Uniti la Russia l'India la Cina il Brasile (e forse l'Europa se fosse un monoblocco) ma schiacceranno tutti quelli che si mettono di mezzo senza avere la loro stazza.

Nella realta' non hanno intenzione di sostituire gli Stati (troppo faticoso e pure costoso) ma vogliono semplicemente disfarsene perche' la Legge per loro e' un impiccio e gli Stati soccomberanno essendo piu' deboli..... ed al loro posto ci sara' spazio per qualsiasi altra cosa (piu' piccola) perche' le superpotenze non hanno interesse a governare le piccole cose (salvo dominarle o ricattarle) per cui sopravviveranno quei piccoli sistemi che hanno una "forza propria" finendo col privilegiare..... se' stessi (!) all'interno dei confini tradizionali (o commerciali) della propria Societa' prima di tutto ovvero all'interno del proprio hinterland.

Questa forza a disposizione della "societa' civile" rimane la base reale su cui si eleva una sovrastruttura giuridica e politica (il Governo Legittimo) a cui corrisponde sempre la nostra tipica mentalita' e coscienza sociale.

tutto il sistema civile (quindi anagrafico) verra' inesorabilmente normalizzato beneficiando ciascun Cittadino singolarmente, che sara' maggiormente assistito piuttosto che calpestato ed abbandonato in una selva di numeri e servizi (astratti ed anonimi) che proprio per questo oggi sono impossibili da gestire con profitto, ma anzi finiscono molto spesso con l'essere dolosamente disorganizzati ed inutilizzabili, quando non siano illegalmente accentrati nelle mani della peggiore burocrazia ed incompetenza.

Noi confidiamo di conservare una Anagrafe dei Lombardi ovvero quella degli eredi della precedente anagrafe nel Regno Lombardoveneto e della precedente anagrafe nella Repubblica Cisalpina per trapassarla nelle nuove istituzioni

.....indipendentemente dal come quelle istituzioni fossero in seguito coordinate con gli altri enti europei (hinterlands con propria nazionalita' evidentemente) conservando quindi una nostra identita' che non possa essere sottovalutata da nessuno al momento di trapasso dei poteri: una identita' rimane se stessa in qualsiasi epoca, rimane fedele a se stessa e non ci sono intrusioni invasioni migrazioni che tengano (per quanto antiche fossero) dal momento che gli aborigeni stanno sul posto fin dalla origine del posto e son proprio quelli che alla fine di qualsiasi buriana restano sempre sul posto..... sono costoro che hanno il Diritto al Governo Legittimo, non certamente gli antichi o moderni parvenu.

Nel nuovo hinterland cisalpino la Lombardia quindi trapassera' la sua propria tradizionale vitalita' che e' sempre misurata dal proprio PIL fin da prima degli antichi Romani e che non deve essere sottovalutata da nessuno al mondo (da nessuno in Europa e da nessuno al di fuori) cosicche' in quel momento i vecchi poteri non trapasseranno piu' nelle nuove istituzioni ma casomai nei nuovi hinterlands..... e la Lombardia non sara' piu' sottomessa a nessuno.

.

importanza del Prodotto interno lordo (PIL) oggi e nella preistoria dell'Europa

in ogni epoca e in qualsiasi parte del mondo gli esseri umani fanno prima di tutto quello che possono e cioe' quel che gli consente di fare la propria dimensione economica: il solo modo di nutrirsi e' quello di produrre derrate alimentari progettando una agricoltura e un sistema economico che sostenga l'intiera loro Societa' .....salvo decidere di saccheggiare l'economia dei vicini di casa come e' stato fatto da tutte le popolazioni barbariche finquando non vennero malmenate dalle popolazioni piu' civili

ma l'economia di una Societa' barbarica di ladri pirati e razziatori non e' per niente affidabile ne' tantomeno duratura (un bel gioco dura poco) e non puo' sostenere la complessita' di una vita civile ed evoluta fino alla forma di Stato..... e fino ad organizzare il proprio PIL tutti i santi giorni e cioe' soprattutto (nella preistoria) lavorando la propria terra

queste condizioni materiali di vita costituiscono la struttura economica di una Societa' civile ovvero la sola base reale sulla quale soltanto puo' elevarsi una struttura giuridica e politica .....a cui corrispondono poi determinate forme di coscienza sociale politica religiosa filosofica spirituale (una coscienza ideologica) ovvero una mentalita' che giudica e riproduce le proprie strutture sociali

e' quindi un meccanismo che non nasce dall'oggi al domani ma e' antichissimo e lo si puo' riprodurre soltanto affrontando la selezione naturale (non con la pirateria) ovvero vincendo la propria inerzia per competere con le forze della natura oggi come ieri e in qualsiasi epoca

e a nulla valgono le pretese antiche e moderne di occupare con la forza o con l'inganno (a qualsiasi titolo) l'antica terra dei produttori perche' gli aborigeni rimangono comunque i soli padroni della propria terra

potete dare il vostro parere sul server facebook scrivendo nella
finestrella di ricerca le parole
Comitato per la Rappresentanza Etnica della Lombardia oppure il nostro numero identificativo 176068362437099 fa lo stesso
(stiamo pero' per completare una bacheca per i commenti su di un server migliore)

tornare in testa alla pagina - alle altre 3 pagine: ( delegazioni icjaja ) ( missione icjaja ) ( rapporto icjaja )

su questo sito-internet noi NON usiamo inserire nel vostro computer alcun tipo di cuki cocker cookies o cimici per lo spionaggio elettronico
on this internet-site we DO NOT use cookies or other bugs to spy your computer


aggiornamento di venerdì 31 luglio 2015 qua sotto
conferma (venti anni dopo) che il nostro hinterland sta aggregando e coagulando tutte le forze periferiche
attorno al
baricentro Alpino tradizionale: i valori del PIL piu' o meno son quelli di sempre e gia' evidenziati nelle nostre mappe piu' sopra

questa mappa del quotidiano "Libero" e' ri-pubblicata da http://www.giornali24.it/d/20150731/115/Libero
(si legge in una nuova finestra)

mentre la notizia della agenzia di stampa "AGI" si trova all'indirizzo elettronico
http://europa.agi.it/in-primo-piano/notizie/ue_al_via_macroregione_alpina_comprende_italia_e_altri_6_paesi-201507311308-cro-rt10083
(si legge in una nuova finestra)

l'avete vista bene la mappa?

come dicevamo alla Conferenza de L'Aja nell'anno 1991 e' destino .....ovvero e' deciso dalle Leggi non Scritte che tutto l'hinterland attorno alle Alpi nostre rimanga quello che e' sempre stato..... e rimanga nostro indipendentemente dalla aggressivita' altrui in qualsiasi epoca (e' inutile far tante chiacchere)

confrontate ora questa nuova mappa con la nostra del PIL 2008 oppure del PIL 1998 (ma anche dell'intero '900) oppure di sempre e vedrete che .....il miele siamo noi: la ricchezza di questo hinterland e' proprio qui

per cui tutti cercheranno sempre di avvicinarsi ai nostri soldi (cioe' al PIL migliore) perche' tutti vanno dove ci sono i soldi e nessuno va' mai a portare ricchezza in casa d'altri (nemmeno i migratori) questo e' chiaro..... per cui (ri-guardate la tabella del PIL nostro qua di sopra) gli fa' molto comodo a tutti loro di aggregarsi qui dove la ricchezza la si produce noi

questa e' sempre la mossa dei barbari e questa e' oggi la mossa della CEE

naturalmente gli "austriacanti" cantano vittoria

perche' fingono (vogliono farci credere) che il baricentro della "regione Alpina" sia la cosiddetta "mitteleuropa" che invece (lo dimostra benissimo la nostra mappa) e' economicamente insignificante rispetto al baricentro della "regione" dove ci sono sempre e da sempre le Alpi nostre cioe' dove si produce il PIL di questo intero nostro hinterland fino oltre il Rodano il Reno e il Danubio.....

la loro "mitteleuropa" non ha mai portato soldi quaggiu' ma casomai li ha "predati" i soldi..... coi loro "imperatori" e con il nostro sangue come fanno sempre i barbari in casa d'altri

difatti se guardiamo quali siano le Aree NUTS-2 con un PIL superiore ai 100 mila milioni di ecu (in colore bluet nelle nostre mappe) vedremo che la cosiddetta mitteleuropa non esiste..... e di conseguenza se oggi (dal 28 luglio 2015) la stanno aggregando al nostro hinterland vuol dire che e' conveniente per loro (non per noi) anzi non possono farne a meno

cosicche' ci hanno messi assieme inventando la burocrazia della "macroregione Alpina" che pagheremo noi giustamente (col nostro PIL perche' il loro fa ridere) salvo che ci manca di prenderne possesso: perche' se la paghiamo..... allora e' nostra

la nostra "rappresentanza" e' proprio qui per questo

difatti la mossa della CEE e' un passo evidente verso l'aggregazione di quei nuovi istituti territoriali che non c'entrano nulla con gli Stati attuali e che sostituiranno gli Stati (giocoforza) nel prossimo futuro..... perche' il mondo europeo si sta indirizzando verso tutto un altro tipo di unita' territoriale

come avevamo gia' spiegato venti anni orsono in testa a questa nostra vecchia pagina

...

ora lasciamo perdere la "geografia" di questa macroregione burocratica e facciamo finta che comprenda tutte le Alpi nostre anche se loro ne comprendono soltanto la parte che gli fa comodo ma se costoro fossero onesti dovrebbero prima di tutto obbligare la Slovenia a cancellare dalle proprie carte geografiche la parola "balcani" che han sempre usato per chiamare le Alpi (incredibile)

perche' se adesso proprio loro fan parte della macroregione Alpina allora non possono piu' chiamarla "balcani" a piacimento come fanno tutt'ora in ispregio degli Aborigeni (cioe' di quei che stan sul posto fin dalla origine del posto) .....cioe' noi i padroni di casa sopravvissuti alla sanguinosa pulizia etnica slava (vero annientamento) cominciata nella Seconda Guerra Mondiale sotto gli occhi di tutti e mai terminata

difatti gli Sloveni sulle Alpi nostre ci sono arrivati colle armi (loro) e col sangue (nostro) cioe' senza un minimo di galateo soltanto mille anni orsono insieme ai Croati..... quando il Duca Giovanni a nome di Carlomagno (con un Patto firmato in una conferenza pubblica sul fiume Risano) deve alla fine intervenire e gli da' il primo permesso di occupare soltanto quei luoghi che fossero disabitati e comunque non sulla costa dell'Istria del Quarnero e della Dalmazia ch'eran Veneziane da sempre

ma siccome sia il Duca che il Carlo non erano (come noi gli Aborigeni) di Lingua Romanza ma aliena .....e' evidente che il Patto lo fanno contro di noi e a favore di loro stessi tra colleghi barbari che in un modo o nell'altro avevano traversato il fiume Danubio venendo in scia' alla chetichella .....e difatti il Patto da' una mano (cioe' la nostra terra) agli slavi .....e loro si son presi il braccio e pure qualcosa d'altro

...

ebbene questa mappa che nasce dalla Unione Europea il 28 luglio dell'anno 2015 dimostra (gli piaccia o no) che essi non hanno altri punti di aggregazione se non casa nostra (i nostri soldi) ancora oggi .....dopo mille anni di Storia in cui Francesi Austriaci Svizzeri Sloveni Croati evidentemente non han mai prodotto nulla che meritasse aggregazione verso loro stessi.....

noi si

(eppoi alla fine vedremo chi e' che ha il Diritto di comandare)


le nostre due mappe del PIL 2008 si possono vedere aggiornate col PIL 2011 all'indirizzo elettronico della CEE dove se mettete il dito su ciascuna "regione" vedrete la misura esatta del PIL a parita' dei poteri di acquisto (PPA) che rimangono grossomodo quelli di sempre
http://ec.europa.eu/eurostat/tgm/web/_svg/0722112572_map_tmp.svg

vedete poi le tabelle dettagliate (per ciascuna Area NUTS-2 che e' l'area di rilevamento statistico chiamata "regione europea" da loro stessi) cogli altri grafici e mappe CEE
http://ec.europa.eu/eurostat/web/regions/data/main-tables

le mappe non sono "vecchie" perche' la misurazione del PIL si fa di regola nel quarto anno..... per cui quelle valide oggi nel 2015 son proprio quelle del 2011 (!) ma troverete anche quelle piu' recenti che pero' fino al loro "quarto anno" saran semplici previsioni non del tutto corrette


nei prossimi giorni metteremo qua le linkagioni per andare a leggere i commentatori di questa notiziola

tornare in testa alla pagina - tornare in testa alla mappa 2015 - alle altre pagine: ( delegazioni icjaja ) ( missione icjaja )

.